La patologia oculistica più diffusa: la cataratta.

Quanto è diffusa? Quali sono i sintomi principali? Quando conviene operare?

studio-oculistico-massimo-filippello-operazione-cataratta

La patologia oculistica più diffusa: la cataratta.

Forse la cataratta è la patologie più frequente in oculistica. Sicuramente la più comune. Ma quali sono i sintomi principali ? Quando conviene operare ? Quanto è diffusa? Scopriamolo insieme…

Come si manifesta?

Cominci ha notare un certo fastidio durante la guida, specie di sera. I fari che ti vengono incontro hanno un alone che prima non notavi, ma quando sei a casa vedi bene.

Ecco forse è il caso di dare un occhiata al cristallino!

Questa lente che si trova immediatamente dietro l’iride nel tempo tende a diventare opaca e a rendere difficoltoso il passaggio della luce verso la retina. Man mano che il cristallino perde trasparenza l’occhio modifica anche il suo difetto di vista, diventando leggermente miope. E’ molto frequente sentirsi dire che da un pò di tempo ” la mia vista da vicino è migliorata e posso leggere senza occhiali”. Successivamente ci si accorge che la vista da lontano è diminuita e che di sera non si è in grado di guidare. Ancora avanti la vista si abbassa notevolmente e diventa quasi impossibile guardare il televisore e leggere.

 

Quando bisogna operare la cataratta?

Oggi con le moderne tecniche chirurgiche l’intervento è indicato quando il paziente si rende conto che la sua qualità di vita è ridotta a causa della cataratta e non è più necessario attendere una consistente riduzione della vista.

In genere la cataratta è bilaterale anche se colpisce sempre un occhio prima dell’altro. Prima dell’intervento è estremamente utile un approfondito esame dell’occhio al fine di valutare eventuali ulteriori patologie oculari in grado di dare un risultato visivo inaspettato. Presso lo studio si effettuano tutti gli esami preliminari necessari per una corretta pianificazione dell’intervento.

Il protocollo pre operatorio è il seguente:

  • Esame del visus naturale e corretto
  • Esame alla lampada a fessura
  • Tonometria
  • Pachimetria
  • Microscopia endoteliale
  • Ecografia A e B scan
  • Biometria
  • OCT retinico

Questi esami permettono una buona previsione del visus post operatorio. Molta attenzione va data alla scelta della lente intraoculare dato che è possibile ottenere contestualmente anche una riduzione dei difetti di vista. Vai alla sezione lenti intraoculari per saperne di più

Al termine degli esami preliminari e della visita è sempre necessario compilare il consenso informato all’intervento. Questo documento illustra le statistiche di successo dell’intervento e i rischi che possono essere connessi con l’atto chirurgico.

Trovi la descrizione dell’intervento nella sezione chirurgia Intervento di cataratta.

Presso lo studio oculistico Filippello di Catania puoi trovare assistenza e consulenza riguardo questo e altri servizi.

Visita la pagina delle prenotazioni per richiedere un appuntamento presso lo studio del Dr. Massimo Filippello.

A cura del Dr. Massimo Filippello

Centro oculistico a Catania

Il Dott. Massimo Filippello è specializzato in blefaroplastica e tossina botulinica, cross linking accelerato corneale e transepiteliale, cheratocono, terapia degenerazione maculare e presbiopia, operazione miopia laser.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *