Cross linking corneale transepiteliale accelerato nella terapia del cheratocono

Cross linking corneale transepiteliale accelerato nella terapia del cheratocono

Il cross linking corneale è in grado di fermare o rallentare l’evoluzione del cheratocono. La metodica transepiteliale accelerata semplifica l’intervento e permette un recupero rapidissimo e senza dolore.

 

Cos’è il cross linking corneale?

Il cross linking è una terapia medico-chirurgica che nasce con lo scopo di rinforzare la cornea che, se affetta da cheratocono, lentamente ma insesorabilmente la indebolisce fino a richiedere il trapianto. Una nuova metodica chiamata cross linking transepiteliale rende il trattamento semplice ed elimina il dolore e le complicanze della tecnica tradizionale con disepitelizzazione.

 

Le tecniche attuali di cross linking

Le tecniche attuali si distinguono in:

  • Tecnica di cross linking con rimozione dell’epitelio (epi off);
  • Tecniche di cross linking con conservazione dell’epitelio (epi on);

Attualmente le tecniche epi on sono 2:

  • La trans epiteliale;
  • La iontoforsi;

 

La trans epiteliale

Nel primo caso (tecnica trans epiteliale) si sfrutta una riboflavina addizionata con sostenze in grado di superare la barriera epiteliale, nel secondo caso (iontoforesi) si utilizza una debole corrente continua per spingere il farmaco all’interno della cornea superando l’epitelio intatto.

La iontoforesi

La iontoforesi permette in soli 5 minuti di ottenere una inibizione ottimale della riboflavina nello stroma corneale. Dopo l’assorbimento della roblflavina il cross linking viene ottenuto irradiando la cornea con una sorgente di UV da 10 mw. per 9 minuti. L’ utilizzo di iontoforesi e Uv a 10 mwatt è chiamato cross linking accelerato.

Le differenze tra le due tecniche sono notevoli.

Per approfondire questo argomento leggi anche gli approfondimenti sull’Intervento di Cross linking corneale.

Cross linking corneale transepiteliale accelerato

US Patent Application No: US2011/0152,219A1

Il cross linking corneale è in grado di fermare o rallentare l’evoluzione del cheratocono. La metodica transepiteliale accelerata semplifica l’intervento e permette un recupero rapisissimo e senza dolore. Approfondisci »

A cura del Dr. Massimo Filippello

Centro oculistico a Catania

Il Dott. Massimo Filippello è specializzato in blefaroplastica e tossina botulinica, cross linking accelerato corneale e transepiteliale, cheratocono, terapia degenerazione maculare e presbiopia, operazione miopia laser.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *